lunedì 4 ottobre 2010

The roaring 20s: Maria Lani ispira John Galliano

Matisse - Kisling - Cocteau
Verso la fine degli anni 20 una giovane attrice polacca di nome Maria Lani arrivò a Parigi e iniziò a frequentare la scena artistica della città. In due anni riuscì a convincere oltre 50 artisti a farle dei ritratti, raccontando in giro che questi ritratti servivano a un film dell'orrore che avrebbe dovuto girare, nel quale un dipinto prendeva vita. Queste opere d'arte vennero esposte nel 1930 e Jean Cocteau, nell'introduzione al catalogo della mostra, disse che la forza ipnotica di questa donna non aveva pari.
Artisti come Matisse, Cocteau, Chagall, De Chirico e Braque ritrassero la donna. Unico problema? Maria non era un'attrice, bensì una furba stenografa dell'Europa dell'est. A un certo punto prese i quadri che non erano ancora stati venduti e scappò in America, dove vendette tutti quelli rimasti.
Quasi 100 anni dopo, John Galliano ha deciso di ispirarsi a lei per una collezione. Il risultato è meraviglioso, come sempre accade quando galliano decide di inoltrarsi nelle citazioni di inizio 900. Dopo una stagione di orribili collezioni (inclusa quella da lui realizzata per Dior), fortunatamente è tornato a portare un po' di vita a un industria troppo seria o di cattivo gusto.

Alcuni dei ritratti di Maria Lani:
De Chirico
Rouault - Lèger - Chagall

Braque - Goerg - Matisse

Una foto:




La collezione di John Galliano Spring Summer 2011:














  • Stumble This
  • Fav This With Technorati
  • Add To Del.icio.us
  • Digg This
  • Add To Facebook
  • Add To Yahoo

3 commenti:

martinamontague ha detto...

Difficilmente non incontra il mio gusto ;)

Anonimo ha detto...

Perche non:)

Anonimo ha detto...

La ringrazio per Blog intiresny